Altre Informazioni

Informazioni sugli assetti proprietari (ex art. 123 bis TUF)

Le informazioni di cui all’articolo 123 bis del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 figurano nella specifica sezione della presente relazione denominata “Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari” inclusa nel fascicolo del bilancio (volume B) e pubblicata nella sezione Governance del sito web della Società (www.pirelli.com).

Documento programmatico sulla sicurezza

In ottemperanza a quanto previsto dal D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Allegato B, comma 26, si rende noto che Pirelli & C. S.p.A ha provveduto ad aggiornare il Documento Programmatico sulla Sicurezza per l’anno 2011.

Società controllate estere non appartenenti all’Unione Europea (Società Extra UE)

Pirelli & C. S.p.A. controlla, direttamente o indirettamente, alcune società aventi sede in Stati non appartenenti alla Comunità Europea (Società Extra UE) che rivestono significativa rilevanza ai sensi dell’art. 36 del Regolamento Consob 16191/2007 concernente la disciplina dei mercati (“Regolamento Mercati”).

Con riferimento ai dati al 31 dicembre 2011, le Società Extra UE controllate, direttamente o indirettamente, da Pirelli & C. S.p.A. rilevanti ai sensi dell’articolo 36 del Regolamento Mercati sono Pirelli Pneus Ltda (Brasile); Pirelli Tire LLC (USA); Pirelli Tyre Co. Ltd (Cina); Turk Pirelli Lastikleri A.S. (Turchia); Pirelli de Venezuela C.A. (Venezuela); Pirelli Neumaticos S.A.I.C. (Argentina).

Anche ai sensi della citata disposizione regolamentare, la Società ha in essere una specifica e idonea “Norma Operativa di gruppo” che assicura immediato, costante e integrale rispetto delle previsioni di cui alla citata disciplina Consob1. Ai sensi della citata Norma Operativa, le competenti direzioni aziendali della Capogruppo provvedono a una puntuale e periodica identificazione e pubblicizzazione delle Società Extra UE rilevanti ai sensi del Regolamento Mercati, e - con la necessaria e opportuna collaborazione delle società interessate – garantiscono la raccolta dei dati e delle informazioni e l'accertamento delle circostanze di cui al citato art. 36, assicurando la disponibilità delle informazioni e dei dati forniti dalle controllate in caso di richiesta della Consob. Si prevede, inoltre, un periodico flusso informativo atto a garantire al Collegio Sindacale della Società l’effettuazione delle prescritte e opportune verifiche. Infine la citata “Norma Operativa”, in linea con le previsioni regolamentari, disciplina la messa a disposizione del pubblico delle situazioni contabili (stato patrimoniale e conto economico) delle Società Extra UE rilevanti predisposte ai fini della redazione del bilancio consolidato.

Si dà dunque atto del pieno adeguamento della Società alle previsioni di cui articolo 36 del citato Consob 16197/2007 e della sussistenza delle condizioni dallo stesso richieste.

Operazioni con parti correlate

Ai sensi dell’art. 5 comma 8 del regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010, concernente le operazioni con parti correlate, e della successiva Delibera Consob n. 17389 del 23 giugno 2010, si rileva che l’unica operazione di maggiore rilevanza avvenuta nel perido 1.1.2011 – 31.12 2011, così come definita dall’art. 3 comma 1, lett. a) del suddetto regolamento, è il rinnovo fino a luglio 2017 del finanziamento in favore di Prelios SpA (già Pirelli RE). Il finanziamento è pari a 160 milioni di euro, in aumento di 10 milioni di euro rispetto ai 150 milioni di euro precedenti, e prevede il rimborso integrale a scadenza. Il rinnovo è avvenuto in esecuzione degli impegni assunti nel 2010 da Pirelli & C. nei confronti delle banche finanziatrici di Pirelli RE (oggi Prelios Spa) al fine di ottenere le necessarie autorizzazioni da parte delle stesse per dare corso all’operazione di separazione di Pirelli RE dal Gruppo Pirelli, come peraltro rappresentato nel comunicato del 4 maggio 2010 e nella documentazione messa a disposizione del pubblico in occasione dell’assemblea straordinaria degli Azionisti del 15 luglio 2010.

L’operazione è stata approvata all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione, previo parere favorevole, anch’esso unanime, del Comitato per le Operazioni con Parti Correlate composto interamente da amministratori indipendenti. Il finanziamento è da qualificarsi come operazione con parte correlata in ragione della correlazione esistente tra Pirelli e Prelios per il tramite di Camfin che, ai sensi del Regolamento, esercita su Prelios una “influenza notevole” e di “maggiore rilevanza”, in quanto supera le soglie identificate ai sensi dell’art. 4, comma 1 lett. a) del citato Regolamento Consob. Condizioni e termini del finanziamento sono riportati nel documento informativo sull’operazione che, ai sensi dell’art. 5 del citato Regolamento, è stato messo a disposizione del pubblico presso la sede della società e di Borsa Italiana SpA nonché pubblicato sul sito internet della società www.pirelli.com il 30 dicembre 2011.

Non vi sono altre operazioni con parti correlate che abbiano influito in misura rilevante sulla situazione patrimoniale o sui risultati del gruppo.

Non si rilevano inoltre operazioni rilevanti effettuate con parti correlate, ivi comprese le operazioni infragruppo, di natura non ricorrente o con carattere di inusualità e/o atipicità.

Le informazioni sui rapporti con parti correlate richieste dalla Comunicazione Consob n. DEM/6064293 del 28 luglio 2006 sono presentate negli Schemi di bilancio e nella Nota “Rapporti con parti correlate” del Bilancio consolidato al 31 dicembre 2011.

Si ricorda che nel corso dell’esercizio 2010, il Consiglio ha approvato la Procedura per le Operazioni con Parti correlate anche al fine di dare attuazione al sopra menzionato regolamento Consob. Per un maggior approfondimento sulla Procedura per le Operazioni con parti correlate si rinvia alla sezione Interessi degli Amministratori e Operazioni con Parti Correlate della Relazione annuale sul governo societario.

 

1 Si osserva che anche prima dell’adozione della menzionata “Norma Operativa” i sistemi amministrativo-contabili e di reporting in essere nel gruppo Pirelli consentivano già alla Società di essere sostanzialmente allineata con quanto richiesto dalla normativa regolamentare.